NEWS


VIAGGIO STAMPA ALLA MAISON TRIMBACH, OTTOBRE 2017


Nella prima settimana di Ottobre l’azienda ha organizzato una visita alla prestigiosa Maison che rappresenta in Italia da oltre 20 anni. Tutto nacque nel 1626, ma l’anno di svolta fu più avanti nel 1898 quando i vini di Trimbach spopolarono alla fiera internazionale di Bruxelles, conquistando una fama che non avrebbero mai più lasciato. Oggi la Maison è nelle mani dei fratelli Pierre (enologo) e Jean (ambasciatore) e della cugina Anne, anche se il padre di lei, ancora zampetta per l’azienda magro e dritto come un Riesling. In compagnia dei giornalisti Miriam Massone (la Stampa) e Andrea Cuomo (il Giornale) coordinati da Pietro A. Pescarmona (A.D Marketing).

I Trimbach sfornano ogni anno oltre un milione di bottiglie che il mondo si contende visto che l’88% della produzione viene stappata lontana dalla Francia; le uve provengono dai 52 ettari di proprietà sparsi il alcuni dei cruciverba più prestigiosi dell’Alsazia, nei villaggi di Ribeauvillè, Hunawirh e Bergheim, e dai 100 ettari di altri viticoltori della zona: qui la qualità non è un’eventualità, un accidente ma  è un’obbiettivo cercato.

Il viaggio è stata l’occasione per incontrare Jean Trimbach ovvero tredicesima generazione della famiglia e degustare con lui alcune delle etichette che hanno fatto la storia della prestigiosa casa alsaziana, vini verticali, netti, mai troppo grassi ma equilibrati e eleganti: Gewurztraminer 2014, Cuvée Frederic Emile 2009, il leggendario Riesling Clos St.Hune 2003,2009,2011 e una piccola anteprima… Grand Cru Schlossberg 2014 oltre alle celebri Vendange Tardive!

 

Leggi l’articolo completo di Andrea Cuomo su STILE MESE inserto de “Il Giornale” Trimbach, la leggenda dell’Alsazia

 

Leggi l’articolo di Miriam Massone su LA STAMPA di Torino, Scoprire l’Alsazia con Trimbach: l’eroe del Riesling

 

ALTRE NEWS